Home » Marinerie » Palermo » Isola delle Femmine

Isola delle Femmine

Descrizione e cenni storici

L’Isola delle Femmine si trova in provincia di Palermo. Grazie alla bellezza della sua spiaggia, adiacente a quella di Capaci, e ad alcuni importanti edifici, come la torre quadrata cinquecentesca e la chiesa intitolata a Santa Maria delle Grazie, è oggi un rinomato centro balneare e turistico. Al di là delle varie leggende legate al nome, anche la storia crea un legame fra Capaci e Isola delle Femmine, ma lo basa su interessi economici. Difatti, sembra che furono proprio i pescatori di Capaci, che si recavano a pescare tonni nel braccio di mare antistante l’isola che crearono il primo nucleo della futura cittadina. Realizzarono quindi una tonnara in piena regola dove potersi appoggiare nel periodo di passaggio dei tonni. Più tardi sorse poi una chiesetta ad uso dei pescatori che, insieme alla torre quadrata di avvistamento rimasero per un lungo periodo le uniche costruzioni dell’isola. Questo perché i pescatori temevano l’irruzione dei pirati che in quel periodo saccheggiavano i paesi della costa. All’inizio dell’Ottocento poi, pur essendo caduta in disuso la tonnara, i primi pescatori diedero vita al nuovo borgo marinaro che nel 1855, staccatosi da Capaci, divenne comune autonomo. Dopo un periodo di spopolamento, durante il secolo successivo, dovuto alla forte emigrazione negli Stati Uniti, precisamente nella folta comunità di Pittsburgh, Isola delle Femmine riprese a crescere arrivando alle sue attuali  condizioni di centro balneare. Naturalmente il turismo non è l’unica attività economica. Difatti fabbriche di arredamento, produzione di ceramiche (sull’isola ha sede lo stabilimento “La Musa” noto per le belle ceramiche artistiche) e di imbarcazioni tipiche, costituiscono fonte di lavoro per gli isolani e garantiscono un certo benessere al comune.

Struttura del porto

Il porticciolo di Isola delle Femmine è costituito da un molo a gomito e da un molo di sottoflutto. L'imboccatura, protetta da una diga foranea, consente riparo ad imbarcazioni da diporto di dimensioni contenute.
L'ingresso al porto è continuativo; nell'accesso mantenersi al centro e fare attenzione ai fondali speciein prossimità delle banchine.
Il fondo marino è roccioso con fondali in banchina da 1 a 3,50 m.

Servizi

Le banchine sono illuminate ed il porticciolo dispone di fontanella, scivolo per le barche, gru fissa, cabina telefonica e distributore di carburanti in banchina.

 

Caratteristiche medie della flotta
N° Imbarcazioni 137
Lunghezza (m) 7,6
Stazza (t) 5,1