Home » Marinerie » Agrigento » Licata

Licata

Descrizione e cenni storici.

Licata è un comune di 41.000 abitanti della provincia di Agrigento. Sorge in una zona litorale, posta a 8 m sopra il livello del mare, adagiata alle pendici del "Monte di Licata". Le sue origini risalgono alla preistoria. Il nome Licata deriva dal greco Alukates  che significa "salato" poiché sul luogo sbocca il fiume Salso che significa  "salato". Dagli storici essa fu identificata con l'originaria Finziade fondata nel 280 a.C. da Finzia tiranno di Agrigento. Nel periodo  romano fu trasformata dai Greci e dai Fenici in uno dei più importanti empori commerciali di tutta l'isola. Fra gli episodi storici avvenuti nel territorio di Licata, si ricordano la battaglia sull'Imera, avvenuta nel 310 a.C., durante la quale Agatocle venne battuto dai Cartaginesi e la battaglia navale di Capo Ecnomo (256 a.C.), svoltasi nel corso della Prima Guerra Punica, nella quale la flotta Romana di Marco Attilio Regolo, sconfisse quella Cartaginese. Nel 1553 la cittadina subì  la devastantepresenza turca. Intorno al XVIII secolo il paese conobbe una forte ripresa economica ad opera di influenti famiglie che si avvicendarono al suo governo. Per tutto il XIX secolo si ebbe un ulteriore incremento economico ed edilizio grazie all'efficiente porto marittimo ed alla nascita di grosse raffinerie di zolfo. In tempi più recenti, durante la Seconda Guerra Mondiale, sulle coste di Licata ha avuto luogo lo sbarco degli Alleati. La città si distingue per la cospicua produzione agricola di  agrumi, meloni "cantalupo", cereali e primizie. Fiorente è l'allevamento di ovini e bovini. Spiccano tra le risorse ittiche le tipiche sogliole di Licata, le triglie e i polpi.

Struttura del porto 

Il porto di Licata è costituito dalla Diga di Ponente, dalla Diga di Levante e da due moli interni. La diga a ovest è raccordata ad un vecchio molo, e con questo forma unadarsena per pescherecci; a questa diga è radicato sul lato esterno, a circa 200 m dalla testata, un prolungamento a scogliera della stessa, di circa 600 m orientato per SSE ed evidenziato in testata da un fanale rosso provvisorio. La diga a est è di circa 1.900 m e protegge l'intero porto dai banchi mobili che si formano alla foce del fiume Salso. All'interno di queste due grandi dighe, esistono due moli che racchiudono la Darsena Centrale.

Servizi

Rifornimento carburante in banchina, rifornimento acqua a mezzo autobotte , scivolo, scalo d'alaggio, gru mobili fino a 40 t, travel lift fino a 40 t, rimessaggio all'aperto, riparazione motori, riparazioni elettriche ed elettroniche, riparazione scafi in legno, vtr ed acciaio, pilotaggio, ormeggiatori , sommozzatori, servizio meteo, ritiro rifiuti, rifornimento alimentare, rivendita ghiaccio c/o Coop. S. Rita, parcheggio auto, cabina telefonica fuori dal porto.

 

Caratteristiche medie della flotta
N°Imbarcazioni 97
Lunghezza (m) 12,1
Stazza (t) 13,0
Anno costruzione 1979