Home » Marinerie » Siracusa » Siracusa

Siracusa

Descrizione e cenni storici

Comune di 150.000 abitanti e capoluogo dell’omonima provincia, Siracusa, definita da Cicerone come “la più grande e bella di tutte le città greche”, nel 2005 è stata dichiarata dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità insieme alla necropoli rupestre di  Pantalica.
Il nome Siracusa deriva dal siculo Syraka (abbondanza d'acqua), per la presenza di molti corsi d'acqua e di una zona paludosa. In epoca greca, la città fu anche chiamata Pentàpoli, perché una delle più grandi metropoli del mediterraneo, formata dai cinque grandi quartieri storici: Ortigia, Acradina, Neàpoli, Tiche ed Epipoli. Fu fondata nel 734 a.C. da coloni greci provenienti da Corinto. E sotto i greci, grazie allasua posizione al centro del Mediterraneo, al territorio fertilissimo e al suo porto naturale di notevoli dimensioni, la citta si espanse molto, anche da un punto di vista culturale. Con la conquista romana ad opera del console Marcello nel 212 a.C., la città iniziò la sua lenta decadenza, il pretore romano Verre la spogliò di tutte le sue ricchezze, la popolazione diminuì e la città si ridusse all'area di Ortigia e Acradina. Con il declino della potenza romana, anche Siracusa decadde. Fu saccheggiata dai Franchi, dai Goti e dai Bizantini, per i quali divenne la capitale dell’Impero Romano d’Oriente. Venne però conquistata prima dagli Arabi, nell’878, poi dai Normanni, dagli Angioini e così via fino a quando non venne distrutta dal terremoto del 1693, dopo il quale fu ricostruita in stile barocco. Fu, quindi, sotto il dominio dei Borboni (1700-1713), dei Savoia (1713-1718), degli Austriaci (1718-1735), di nuovo sotto i Borboni (1735-1860), fino all'unità dell'Italia, partecipando quindi a tutte le vicende storiche della Sicilia.

Struttura del porto

Il Porto di Siracusa è sicuro e ben riparato. L'ampiezza all'entrata è di 1.200 m, la profondità all'entrata dai 25 ai 30 m e alle banchine o all'ormeggio dagli 8 agli 8,50 m.
Per il carico e lo scarico delle merci (polietilene, soda caustica, legname, magnesite, acciaio, cemento, fertilizzanti, grano etc.), esistono 5 moli.
Molo n.1 - metri 200 max pescaggio m. 7,50
Molo n.2 - metri 145 max pescaggio m. 8,20
Molo n.3 - metri 210 max pescaggio m. 8,30
Molo n.4 - metri 194 max pescaggio m.6,30
Molo n.5 - metri 135 max pescaggio m. 5,00
E’ inoltre presente una piccola banchina chiamata Molo Zanagora, utilizzabile per piccole navi che non effettuano operazioni commerciali.

Servizi

Nel Porto di Siracusa vengono offerti i servizi necessari per tutte le operazioni di carico e scarico di merci. Tra i moli n.1, 2 e 3 c'è un grande magazzino utilizzato come deposito di merci varie, gestito dalla Camera di Commercio, che ha una superficie coperta di 1550 mq.
E' presente un silos per frumento con superficie di 1300 mq ed una capacità di circa 50.000 t. Il rifornimento carburanti è effettuato da autocisterne o all'ancora (con servizio fornito da Augusta a mezzo bettolina). E' possibile rifornirsi di acqua da tutti i moli. E’ presente un rimorchiatore di 2000 HP.

Caratteristiche medie della flotta
N° Imbarcazioni 91
Lunghezza (m) 8,44
Stazza (t) 8,49