Home » Attrezzi da pesca » Attrezzi tradizionali in uso » Reti da posta derivanti

Reti da posta derivanti

Le reti derivanti rivestono una certa importanza in alcune marinerie Siciliane. Una particolare rete derivante è la ferrettara, caratterizzata da minore lunghezza (massimo 2,5 km) rispetto alle spadare, la dimensione della maglia varia a seconda le specie bersaglio e non supera i 18 cm. L’uso della ferrettara è consentito fino ad un massimo di 10 miglia dalla costa.
Le reti da posta derivanti sono reti che grazie a dei galleggianti vengono tenute sopra o appena sotto la superficie dell'acqua. La loro  altezza varia a seconda del tipo di pesca, ma per le grandi reti è generalmente compresa fra i 20 e i 30 m. Alla parte inferiore della rete sono attaccati dei pesi che la mantengono in verticale neutralizzando la spinta dei galleggianti.
Fra le reti da posta derivanti in uso nelle marinerie siciliane troviamo: Alalungara è una rete da superficie derivante con maglie da 160 a 180 mm. E' dedicata alla cattura dell'alalunga (Thunnus alalunga) ed è impiegata da ottobre a dicembre. Palamitara è una rete da superficie derivante o fissa adoperata da molte marinerie per la cattura di scomberoidi di piccola taglia: "allitterati" (Euthynnus alletteratus), "pesantone" o "sangusu" (Auxis rochei), "palamito" (Sarda sarda), ecc.. Ha maglie da 106 a 180 mm. Viene impiegata prevalentemente nei mesi invernali.