Home » Schede delle specie » Pesci » Scaro

Scaro

Ordine: PERCIFORMI
Famiglia: Scaridae
Genere: Euscarus

Euscarus cretensis
(Linneo, 1758)

Ha il corpo ovale, alto e massiccio. L’occhio è piccolo e circolare. Il corpo è ricoperto di grosse scaglie. La bocca, relativamente piccola, è munita di denti saldati in due placche su ogni arco mascellare, molto simili al becco di un pappagallo. La livrea è molto sgargiante, ha colori verdi, gialli, rossicci, azzurrini o grigio-ardesia ben armonizzati tra loro. Misura al massimo 50 cm di lunghezza ma la sua media si aggira sui 20-25 cm. Vive a profondità limitate su fondi rocciosi e pietrosi, ricchi di vegetazione di Zostere o Posidonie. Si nutre di piccoli crostacei o di alghe incrostate. E’ un pesce piuttosto raro, in Sicilia si trova talvolta assieme ai pesci di scoglio. Le carni delle Scaro erano ricercatissime nell’antica Roma, tanto che Plinio il Vecchio lo annovera tra i pesci più pregiati. Il suo fegato però è tossico.

Vocabolario dei nomi dialettali italiani

  • Catania: Marzapani
  • Messina: Cucca, Tuddu, Pisci pappajaddu